Torino, Nicola: “Cercheremo di dare il massimo, ho realizzato il sogno di rappresentare questi colori”

ilsalottodelcalcio-torino-nicola-davide-allenatore-derby-conferenza
LaPresse
Tempo di lettura: 2 minuti

NICOLA TORINO JUVENTUS CONFERENZA – Queste le parole di Davide Nicola, allenatore del Torino, intervenuto in conferenza stampa alla vigilia del derby contro la Juventus.

Torino, la conferenza di Nicola alla vigilia del derby contro la Juventus

“È una partita piacevole da giocare, una gara sentita diversamente perché rappresenta la città. C’è tanta curiosità da parte nostra, è il mio primo derby di Torino. Abito vicino al capoluogo, per chi ha questi colori come passione basta un cenno e si capisce che è qualcosa di bello da vivere. Cercheremo di dare il massimo, a me interessa questo. E serve la voglia e il piacere di confrontarsi. Nel mio immaginario c’è sempre stato il piacere di immaginare che un giorno avrei potuto rappresentare questi colori. Per fortuna il sogno si è trasformato in realtà. La grande immaginazione per me è un sentimento di elettricità ed emozione assolutamente positiva e non vedo l’ora che l’arbitro fischi perché io partirei già adesso, ma è per la passione che ho, solo per questo motivo”.

Sulla Juventus

“Primi o terzi, i loro valori restano. Io rispetto sempre l’avversario, però vado sempre in campo convinto di poterlo battere. In una partita secca si possono ribaltare i valori accumulati nell’arco del campionato: dobbiamo fare al meglio quanto si è preparato”.

Sull’assenza del pubblico e gli spalti vuoti

“Gli spalti vuoti mi fanno venire un colpo al cuore. Nella mente mia e dei ragazzi c’è anche e soprattutto il fatto di immaginare questo rumore che portano i tifosi, questo rumore che ti smuove dentro, che ti crea delle sensazioni bellissime. Per fortuna ci sono i social, ci rifugeremo nei messaggi”

Su Nkoulou

“Verrà convocato, ma per stare in panchina. Voglio che respiri di nuovo l’elettricità della sfida dopo un lungo periodo di assenza, ma si sta riallenando e adesso non è in condizioni di scendere in campo”.