Supercoppa, Liverpool-Chelsea nella storia: sarà diretta da un arbitro donna

Getty Images
Tempo di lettura: 2 minuti

SUPERCOPPA LIVERPOOL CHELSEA – Il 2 agosto sembrava una giornata qualunque per Stephanie Frappart, poi la grande sorpresa. Sarà il primo arbitro donna a dirigere una gara maschile in una competizione continentale (comunicato Uefa). E non una partita qualsiasi, ma il match tra Liverpool e Chelsea di Supercoppa Europea.

Stephanie Frappart e una guardalinee italiana alla Vodafone Arena per Liverpool-Chelsea

Dunque appuntamento al 14 agosto, ore 21, presso la Vodafone Arena di Istanbul, impianto di proprietà del Besiktas. Stephanie Frappart, dopo aver arbitrato lo scorso 28 aprile una gara di Ligue 1, è pronta a entrare nuovamente nella storia. Sarà la prima direttrice di gara donna in una finale europea maschile. L’esperienza non le manca e lo dimostra la presenza nella finale tra Stati Uniti e Olanda negli scorsi Mondiali femminili. A coadiuvare il fischietto transalpino ci sarà un’assistente italiana. Si tratta di Manuela Nicolosi, italiana ma residente in Francia, già arbitro di alcune gare si Ligue 2. Non sarà, però, l’unica quota azzurra perché al Var è stato designato Massimiliano Irrati, mentre a fare gli onori di casa come IV uomo ci sarà il turco Cakir.

I complimenti di Ceferin e Rosetti: “Supercoppa meritata”

Insomma, il movimento calcistico femminile sta crescendo e non può che esserne felice il presidente dell’Uefa. “Sono contento che Stephanie Frappart sia stata scelta per dirigere la Supercoppa” dice Ceferin. Poi continua: “Spero sia di ispirazione per milioni di ragazze e donne in Europa e mostri loro che non ci devono essere barriere per raggiungere un sogno”. Va più sul tecnico, invece, il capo designatore Rosetti: “Ha mostrato che è una delle migliori arbitri donne non solo in Europa ma in tutto il mondo”. Ora la grande occasione si chiama Liverpool e Chelsea e l’ex fischietto italiano conclude: “Spero che il match di Istanbul le dia ancora più esperienza mentre si avvia al picco della sua carriera arbitrale”.