Napoleoni, un romano in Turchia: l’amore per i giallorossi e quel Colosseo tatuato sulla pelle

ilsalottodelcalcio-stefano-napoleoni-istanbul-basaksehir-turchia
Foto Getty
Tempo di lettura: 2 minuti

STEFANO NAPOLEONI BASAKSEHIR – I sorteggi di Europa League sono terminati e nel girone della Roma c’è l’Istanbul Basaksehir. Il Club turco è conosciuto dalle parti della Capitale, perché proprio due anni fa i giallorossi acquistarono dal Basaksehir lo ‘sconosciuto’ Cengiz Under. Un ritorno al passato dunque per il classe ’97, ma questo non è l’unico intreccio interessante di questo match. Tra le file della squadra turca c’è anche un italiano, anzi un romano, Stefano Napoleoni. L’ala sinistra è da ormai tre anni che veste la casacca dell’Istanbul Basaksehir, ma in precedenza ha giocato anche in Grecia e in Polonia.

L’amore per Roma

Nato il 26 giugno del 1986 a Roma, Stefano Napoleoni non è mai riuscito a trovare la fortuna calcistica nel nostro paese. Cresciuto nella società dilettantistica del Tor di Quinto si è trasferito ad appena 20 anni in Polonia, al Widzew Lodz. L’Italia, calcisticamente parlando, non l’ha più ritrovata ma nonostante questo lui l’ha sempre portata con sé. Più che l’Italia, Stefano porta sempre con sé la sua città, la sua Roma, infatti sul costato ha deciso di tatuarsi uno dei monumenti più simbolici: il Colosseo.

L’amore per la Roma

Roma e la Roma, perché Napoleoni è tifossissimo dei giallorossi e di tanto in tanto vola all’Olimpico per sostenerla da vicino. La sua passione è cosa nota, infatti sul suo profilo Instagram non mancano le dimostrazioni d’amore verso la squadra capitolina. La ‘remuntada‘ contro il Barcellona è stata commentata con un semplice ma efficace :“Grazie Roma” con tanto di hashtag #DajeRomaDaje. Oltre all’amore per la Roma c’è, ovviamente, anche quello per le sue bandiere. Infatti, nel giorno dell’addio di De Rossi, ha commentato così: “Figlio di Roma. Tifoso in campo, come avremmo voluto essere tutti noi. Romano e romanista. Il nostro vanto”.

La prima volta da avversario

Adesso però la Roma sarà, per la prima volta nella sua vita, un’avversaria. L’Istanbul Basaksehir affronterà i giallorossi e per Napoleoni si tratta anche del primo confronto con un’italiana. Il destino è stato “crudele”, ma le emozioni sono tante perché questa volta all’Olimpico non ci entrerà da tifoso, ma da giocatore avversario della sua amata Roma.

Daniele Matera