Spadafora: “Tifosi negli stadi a gennaio? Lo escludo, il governo ha altre priorità”

ilsalottodelcalcio-sassuolo-mapei-stadium-reggio-emilia-tifosi
LaPresse
Tempo di lettura: < 1 minuto

SPADAFORA TIFOSI STADIO GENNAIO – Queste le parole di Vincenzo Spadafora, Ministro delle Politiche giovanili e dello Sport, intervenuto ad Agorà in merito al ritorno dei tifosi negli stadi.

Spadafora sul ritorno negli stadi dei tifosi a gennaio

“Lo escludo, il governo ha altre priorità. Confido che entro fine gennaio tutta l’attività sportiva possa riprendere, ovviamente con tutte le limitazioni per la sicurezza. Ognuno spera di poter riprendere ma il Governo ha una scala di priorità. Il problema di avere tante persone che vanno nella stessa direzione, allo stesso orario e nello stesso giorno significa dover fare una serie di controlli e avviare una macchina non prioritaria rispetto ad altre, come la scuola”.

Sì alla riapertura di palestre e piscine

“Confido che entro fine gennaio tutta l’attività sportiva potrà riprendere nelle condizioni che il Cts indicherà, ovviamente con tutte le limitazioni per la sicurezza. Se riapriranno piscine e palestre? Penso proprio di sì, stiamo lavorando con il Cts. È un obiettivo raggiungibile, dobbiamo vedere i dati. Credo sia assolutamente possibile riaprire entro la fine gennaio palestre, centri danza e piscina”.

Sulla riapertura delle piste da sci

“Mi auguro davvero che prima del 7 febbraio possa esserci una riapertura degli impianti sciistici. Credo che il Cts abbia chiesto delle correzioni ai protocolli più che una vera e propria bocciatura. L’apertura degli impianti dipende dai dati che ci saranno in questi giorni”.

Sul vaccino

“Se mi vaccinerò? assolutamente sì e inviterò tutti gli italiani a farlo. Spero che anche gli sportivi possano essere dei testimonial. Sono convinto che ce la faremo a rispettare i tempi, siamo in un momento difficile e non possiamo permetterci altri ritardi”.