Serie A 2018-19: tutti i verdetti

Tempo di lettura: 2 minuti

SERIE A 2018 2019 VERDETTI – Dopo 38 giornate e a 281 giorni dal primo match della stagione, si conclude la Serie A 2018-2019. Il massimo campionato italiano ha regalato tante emozioni, ma soprattutto ha emesso i propri verdetti: alcuni di gioia e di festa, altri di rammarico e riflessione.

SCUDETTO – La lotta scudetto è stata fondamentalmente a due: Juventus e Napoli si sono date battaglia a suon di vittorie e gol, con il club bianconero che ha staccato di 6 punti i partenopei, dopo lo contro diretto della 7a giornata di campionato, il 29 settembre. Il girone di andata si è chiuso con un distacco tra le due di nove punti. La gara di ritorno, tra la squadra di Allegri e quella di Ancelotti, ha visto la Juventus incrementare il proprio vantaggio e portarsi a +16, grazie alla vittoria al San Paolo (3 marzo 2019, ndr): una cifra praticamente impossibile da recuperare, tanto da assegnare lo scudetto ai bianconeri con un mese di anticipo (20 aprile 2019, ndr). Per la Juventus è l’ottavo titolo nazionale consecutivo: un vero record in Italia ed in Europa.

CHAMPIONS – Sono molte le squadre che si sono alternate nelle prime quattro posizioni in classifica. Alla fine, però, solo in 3 (oltre alla Juventus campione d’Italia, ndr) sono riuscite ad entrare nella massima competizione europea. La lotta al cardiopalma dell’ultima giornata, che non ha coinvolto il Napoli (grazie al secondo posto in cassaforte), ha consegnato l’accesso in Champions all’Atalanta. Il club di Bergamo, per la prima volta nei suoi 112 anni di storia, chiude in terza posizione un campionato da record. Quarto piazzamento per l’Inter che, fino a nove minuti dalla fine, ha rischiato la “retrocessione” in Europa League.

EUROPA LEAGUE – Con la Lazio certa dell’accesso diretto, grazie alla vittoria della Coppa Italia, la lotta per gli ultimi due posti disponibili è stata tra Milan e Roma. Il club rossonero, guidato da Gattuso, ha “rischiato” addirittura la Champions nei primi 45 minuti dell’ultima partita di campionato, complice il momentaneo risultato negativo dell’Inter. Speranze svanite all’81’ quando il gol di Keita ha riportato i cugini nerazzurri in vantaggio sull’Empoli. Milan direttamente in Europa League, Roma ai preliminari. I giallorossi hanno tentato il tutto per tutto per provare a rimontare un campionato disastroso, scosso dalle vicissitudini societarie e dal cambio in panchina. L’arrivo di mister Ranieri, infatti, ha portato qualche risultato che, però, è arrivato troppo tardi e non è bastato a scalare la classifica. La squadra del neo capitano Alessandro Florenzi, inizierà l’avventura europea partendo dal secondo turno dei preliminari.

RETROCESSIONE – Con Chievo e Frosinone già retrocesse, l’ultima giornata ha visto sfidarsi Genoa ed Empoli per l’ultimo posto disponibile in Serie A. La squadra ligure ha giocato l’ultima gara in casa della Fiorentina, mentre l’Empoli ha dovuto fare i conti con la voglia di Champions dell’Inter. Con un finale da brividi, fino all’80’ la classifica condannava il club di Preziosi alla retrocessione. Con il gol di Keita all’81’ e la conseguente vittoria dell’Inter sull’Empoli, il Genoa ha conquistato quel punticino che le ha permesso di salvarsi a nove minuti dalla fine.

CONCLUSIONE – La disperazione sul campo di Milano dei toscani e la grande festa dei rossoblù a Firenze hanno chiuso la Serie A 2018-2019. I verdetti, si sa, non sono mai facili da accettare. Ma, per fortuna o purtroppo (dipende da quale parte ci si trova al fischio finale), fanno parte del calcio e rendono questo sport così affascinante.

A.B.