Premier League, subito show: una partenza a suon di gol

Premier League
Getty Images
Tempo di lettura: 2 minuti

PREMIER LEAGUE – Una prima giornata che non ha deluso le attese quella della Premier League. Il primo turno del massimo campionato inglese ha regalato gol, spettacolo e qualche sorpresa. I tanti soldi spesi dai club britannici sembrano, dunque, aver alzato ancora l’asticella della qualità del calcio di Sua Maestà. Le avversarie europee sono avvisate: le big della Premier rischiano di dominare la scena in Champions ed Europa League anche questa stagione. Ad aprire le danze in campionato è stato il Liverpool, che ha iniziato il festival del gol facendone quattro ai malcapitati del Norwich, ma si ritrova ora senza Alisson, fermato da un problema al polpaccio. 

Premier League: United e City scatenati

La risposta del Manchester City non è tardata ad arrivare. La squadra di Guardiola è andata a vincere 5-0 in casa del West Ham trascinata da Raheem Sterling, autore di una tripletta. Successo al debutto anche per il Tottenham. Gli Spurs hanno faticato un po’ di più a battere l’Aston Villa ma, alla fine, si sono imposti 3-1. Grazie al gol del nuovo acquisto Tanguy Ndombele e alla doppietta del solito Harry Kane. Di misura, invece, la vittoria dell’Arsenal che ha battuto il Newcastle in trasferta grazie alla rete di Aubameyang. Ancora tanti gol nel big-match della prima giornata di Premier, quello tra Manchester United e Chelsea. A segnarli sono stati solo i Red Devils di Solskjaer che hanno travolto 4-0 i Blues di Frank Lampard

Lampard, un debutto da incubo

Un risultato che rilancia le ambizioni in Premier League dello United, letale in attacco con Rashford e solido in difesa con il “difensore più costoso della storia” Maguire. Il poker subìto pesa, e tanto, sul Chelsea, che sembra aver pagato lo stop al mercato imposto dalla Fifa. Successi rotondi anche per il Burnley, 3-0 sul Southampton, e per il Brighton che ha battuto il Watford con lo stesso risultato. Tre i pareggi di giornata: l’1-1 tra Bournemouth e Sheffield United, e i due 0-0 tra Crystal Palace e l’Everton di Moise Kean e tra Leicester e il Wolverhampton di Cutrone.