Premier League, frenano City e United. Chelsea, è già crisi?

Premier League Chelsea
Getty Images
Tempo di lettura: 3 minuti

PREMIER LEAGUE – Monday Night senza sorrisi per il Manchester United, fermato sull’1-1 in casa del Wolverhampton. Nella partita che ha chiuso la seconda giornata della Premier League, i Red Devils sono passati in vantaggio nel primo tempo con Martial, protagonista poi in altre due occasioni-gol. Nella ripresa i Wolves si sono confermati squadra solida e combattiva e, dopo il palo colpito da Jimenez, hanno trovato il pareggio con un gran gol di Ruben Neves. Il Manchester ha avuto la possibilità di aggiustare la situazione, ma Pogba si è fatto parare da Rui Patricio il calcio di rigore della possibile vittoria. Nel finale di partita, spazio anche per l’ex Milan, Patrick Cutrone, entrato al posto di Jimenez per il Wolverhampton. Lo United non è riuscito così a raggiungere in testa alla classifica Arsenal e Liverpool, vittoriose nelle rispettive partite. I Gunners hanno superato 2-1 il Burnley nella sfida dell’Emirates Stadium con i gol di Lacazette e Aubameyang. Per i Reds successo esterno in casa del Southampton firmato dall’implacabile Sadio Mane (20 gol nelle varie competizioni nel 2019) e da Firmino.

Premier League, 2-2 show nel big-match City-Tottenham

I tre punti conquistati da Arsenal e Liverpool si fanno ancora più pesanti alla luce di altri due pareggi: quelli che hanno rallentato il cammino di Manchester City e Chelsea, rispettivamente contro Tottenham e Leicester. Il City in vantaggio due volte prima con Sterling e poi con Aguero, e stato raggiunto dalle reti degli Spurs firmate da Lamela e Lucas Moura per un avvincete 2-2 finale nel big-match del secondo turno di Premier. Ancora una volta, non sono mancate le polemiche. I Citizens, infatti, si sono visti negare dal VAR il possibile gol della vittoria segnato da Gabriel Jesus. Per Guardiola poi c’è da gestire un possibile caso Aguero. L’argentino è stato protagonista di una furiosa lite con il tecnico al momento della sostituzione e non sono esclusi provvedimenti. 

Getty Images

Per il Chelsea solo un punto in due giornate

City e Tottenham si sono, dunque, divisi la posta in uno scontro diretto e possono, in qualche modo, accontentarsi. Cosa che, invece, non può certo fare il Chelsea, che si ritrova con un solo punto dopo due partite. Travolti all’esordio 4-0 in casa del Manchester United, i Blues non sono andati oltre l’1-1 allo Stamford Bridge contro il Leicester. Un risultato che ha suscitato i primi mugugni tra i tifosi. Al momento, però, Frank Lampard non sembra essere in discussione. Ovviamente per il nuovo tecnico sarà fondamentale non mancare l’appuntamento con i tre punti nella prossima trasferta contro il Norwich. Unica consolazione in casa Chelsea il gol del baby Mason Mount, nuova stella dell’universo Blues.

Vince l’Everton. Aston Villa e Newcastle a zero punti

Nelle altre partite della seconda giornata di Premier League, successo di misura per l’Everton che ha superato 1-0 il Watford con un gol del brasiliano Bernard. Moise Kean, partito dalla panchina, è entrato solo nell’ultima parte di match. Vittoria 1-0 anche per lo Sheffield contro il Crystal Palace. Cadono, male, il Newcastle, sconfitto 3-1 in casa del Norwich, e l’Aston Villa, ko in casa per 2-1 con il Bournemouth. 1-1, infine, nella sfida tra Brighton e West Ham. Dopo due turni di campionato restano, quindi, a quota zero punti quattro squadre: Aston Villa, Newcastle, Southampton e Watford.