Parma, Darmian: “Felice del ritorno in Italia, la salvezza è l’obiettivo minimo”. E sul Var…

ilsalottodelcalcio-parma-darmian-matteo
Getty Images
Tempo di lettura: 2 minuti

DARMIAN PARMA – E’ stato corteggiato in estate da club come Juventus e Inter, ma alla fine ha scelto il progetto ambizioso del Parma. Matteo Darmian è tornato in Italia dopo quattro stagioni vissute con la maglia del Manchester United. L’ex Torino ha parlato a margine di un evento con i tifosi di questa nuova sfida e delle sensazioni al rientro nel bel Paese.

Darmian: “Devo ancora abituarmi al Var”

RITORNO – “Personalmente penso sia andata abbastanza bene, fisicamente mi sentivo bene e le due settimane che ho avuto per conoscere i compagni hanno dato buon frutto. L’intesa migliorerà ancora. Mi è dispiaciuto perché davanti al nostro pubblico sinceramente non abbiamo ottenuto quello che volevamo, ma abbiamo fatto comunque una buona partita. Dalle cose positive di domenica dobbiamo ripartire, preparando la sfida alla Lazio“.

VAR – “Io ormai da quattro anni ero in Premier e fino all’anno scorso non c’era il VAR. E’ qualcosa a cui devo abituarmi rapidamente, per me è stato un po’ strano anche perché è stata una partita spezzettata, ma aiuterà tutti a prendere le decisioni più corrette”.

CONDIZIONE – “Io cerco sempre di lavorare al meglio e di migliorare. Si può sempre migliorare, anche sotto il profilo fisico. E’ solo due settimane che sono qui, si può migliorare anche l’intesa con i compagni, gli schemi, ciò che chiede il mister. Questo è ciò che cerco di fare giorno dopo giorno, dando il mio contributo la domenica”.

LAZIO – “Stiamo preparando la sfida nel migliore dei modi. Sicuramente arriveremo pronti al match di domenica. Affrontiamo una squadra forte e di qualità, dovremo essere concentrati e andremo là per cercare di fare risultato”.

OBIETTIVI PARMA – “Penso che la salvezza sia l’obiettivo minimo. Se dovesse arrivare una salvezza più tranquilla allora si potrebbe parlare di altro. Sicuramente entrare nel museo è emozionante, è qualcosa che ti rimane ed è una spinta per dare qualcosa di più: per la società, per i tifosi, per noi stessi”.