Alisson sul Pallone d’Oro: “Per un portiere è difficile, alla gente piace festeggiare i gol”

ilsalottodelcalcio-alisson-becker-portiere-liverpool-community-shield
Foto Getty
Tempo di lettura: < 1 minuto

PALLONE D’ORO ALISSON – Il primo anno di Alisson al Liverpool è sicuramente da incorniciare. Il portiere brasiliano ha vinto la Champions League con la maglia dei ‘Reds’, ma anche in Nazionale ha aiutato il Brasile alla vittoria della Copa America. Insomma una stagione ricca di successi e di soddisfazioni personali, visto anche i 21 clean sheets collezionati in Premier League. L’ex Roma, in un’intervista rilasciata a Marca, ha parlato del pallone d’oro: “Ho letto alcune notizie riguardo il fatto che potrei vincere il Pallone d’Oro e ne sono orgoglioso, ma so che non sarà facile. E che è ancora più difficile per un portiere. Ma ho la coscienza a posto, significa che sto lavorando bene e che la gente se ne accorge”.

Il Pallone d’Oro Alisson

Nella storia del calcio solamente un portiere è riuscito a vincere il premio del Pallone d’Oro nel 1963, Lev Yashin. Da quel momento sono stati tanti i portieri a sfiorarlo e per questo anche Alisson si sofferma sulla questione: “La differenza con i centrocampisti e gli attaccanti è che il portiere non segna i gol, ma cerca di non prenderli. Alla gente piace festeggiare i gol, è il momento più importante del calcio. E credo che sia per questo che per i calciatori di movimento sia più semplice”.