Napoli-Genk, Koulibaly: “Accetto le critiche, ci si aspetta tanto da me”

ilsalottodelcalcio-napoli-koulibaly-genk-critiche
Getty Images
Tempo di lettura: 2 minuti

KOULIBALY NAPOLI GENK CRITICHE – Il difensore del NapoliKalidou Koulibaly ha parlato in conferenza stampa alla vigilia del match contro il Genk. Il senegalese ha giocato due anni in Belgio proprio con il Genk prima del trasferimento in Italia: “Tornare qui mi emoziona molto, ho passato due bellissimi anni. Sono contento di ritrovare amici, domani sarà un’altra storia, ma oggi ne approfitto per salutare tanti amici. Sarà molto difficile, avranno voglia di vincere, ma noi vogliamo i tre punti”, ha dichiarato.

Napoli-Genk, Koulibaly: “Accetto che critiche”

“Sappiamo che è una partita molto difficile, hanno perso la prima partita e avranno voglia di vincere anche questa. E’ una squadra forte che merita questa competizione” ha spiegato il centrale senegalese. Poi, ha dichiarato: “Posso dare di più? Non c’è nessuna scusa da trovare. Devo fare meglio, dobbiamo anche prendere meno gol, lo so. Lavorerò per questo e lo farò anche durante la sosta. Accetto le critiche, se mi arrivano è perché ci si aspetta tanto da me. Da dopo la sosta, ma anche da domani, rivedremo il Koulibaly che conosciamo”.

Le parole dell’ex compagno: “Non so se resterà a Napoli”

L’ex compagno ai tempi del Metz Julien Gorius. Intervistato da Il Mattino, il centrocampista, svincolatosi dal Changchun Yatai, ha parlato del difensore dei partenopei e delle voci di mercato. “Kalidou mi ha sempre raccontato del suo amore per la gente di Napoli: anche sua moglie si trova benissimo in città, i loro figli sono napoletani. Però stiamo parlando di professionisti, credo sia legittima una sua ambizione di arrivare a giocare in uno dei primi cinque club al mondo che si sono interessati a lui. Non so se resterà anche il prossimo anno. Napoli lo ha accolto come un figlio, sente forte il legame con questa terra. Lui è al Napoli dal 2014 nonostante le tante offerte ricevute. Questo è anche il suo modo di sdebitarsi per il tanto amore dei napoletani”.