Milan, Pioli si presenta: “Idee, intensità e spregiudicatezza. Il mio slogan? Vincere”

ilsalottodelcalcio-pioli-stefano-milan
Getty Images
Tempo di lettura: 2 minuti

MILAN PIOLI CONFERENZA – Il Milan riparte da Pioli. L’ex Fiorentina e Inter, dopo aver superato la concorrenza di Luciano Spalletti, viene presentato in conferenza stampa. Queste le sue prime parole: Arrivo con entusiasmo, sono stato chiamato da uno dei club più prestigiosi al mondo. Sono convinto di poter fare un ottimo lavoro insieme a loro e alla società che ha dimostrato di chiedere in me. Ho rispetto per i tifosi e loro hanno diritto di critica, ma per me è uno stimolo ulteriore. I miei 3 principi: idee, intensità e spregiudicatezza. Il neo tecnico rossonero si è poi concentrato su come la squadra sarà chiamate a perseguire i propri obiettivi nel corso della stagione: Dobbiamo lottare per andare in Champions e lavorare tanto insieme per raggiungere gli obiettivi all’altezza del Milan. Le difficoltà ci sono ma vanno affrontate e superate con intensità è qualità. Il mio slogan? Vincere.

Pioli sulla squadra: “Leao ha grande potenziale. Il lavoro di Piatek dipende da quello di tutti”

MILAN PIOLI SQUADRA Stefano Pioli ha sicuramente dimostrato di conoscere molto bene le caratteristiche della rosa del Milan. Queste le sue considerazioni su alcuni dei giocatori rossoneri: Piatek è un giocatore efficace in area di rigore, spesse volte l’attaccante è condizionato dal lavoro della squadra. Leao ha un grande potenziale, deve essere sfruttato. Tutti si devono sentire coinvolti. Suso è un giocatore di qualità indiscutibile, bisogna fargli giocare tanti uno contro uno: può fare molto bene”. Pioli ha inoltre parlato di cosa vuole realmente trasmettere alla squadra: Si può fare un calcio intraprendente, dovremo lottare contro squadre forti, dobbiamo mettere tutti insieme qualcosa in più. So che tipo di interpretazione alla gara voglio dare io. Mi piace pensare di trasmettere il mio modo di giocare a calciatori che hanno la passione e l’entusiasmo di affrontare certe situazioni. Se un giocatore si sente bene in campo è pronto a dare tutto”.