Milan, Ibrahimovic dopo il rinnovo: “L’età non conta, è tutta una questione mentale”

ilsalottodelcalcio-milan-ibrahimovic-zlatan-intervista-rinnovo-contratto-calciomercato
LaPresse
Tempo di lettura: 2 minuti

IBRAHIMOVIC RINNOVO MILAN INTERVISTA – Queste le parole di Zlatan Ibrahimovic, fresco di rinnovo fino al 2022 con il Milan, intervistato dal canale ufficiale del club rossonero.

Milan, l’intervista a Zlatan Ibrahimovic dopo il rinnovo fino al 2022

“Ho dimostrato che l’età non conta, molti erano dubbiosi quando sono arrivato un anno e mezzo fa. È tutta una questione mentale. Quello che sai fare in campo… o ce l’hai o non ce l’hai, non va via. L’importante è sentirsi bene, poi tocca a me adattare il mio gioco alla squadra”.

Sul rapporto con i tifosi rossoneri

“Non mi hanno dimenticato, ho grande feeling coi tifosi fin dal primo giorno, un rapporto bello e rispettoso. La prima volta arrivavo da Barcellona, dove non era andata molto bene. Oggi giocare senza gli 80mila di San Siro non è facile, con loro avremmo avuto qualche punto in più, ti danno una spinta extra. Ma in ogni caso, quando arrivo a Milanello ho voglia di aiutare il più possibile, mi dà adrenalina vedere crescere e migliorare i ragazzi. Tutti si sono messi a disposizione”.

Sul rapporto con compagni ed allenatore

“Dentro al campo siamo tutti uguali. Quando sono in Italia mi mancano i miei due figli in Svezia, quando sono in nazionale mi mancano i miei 25 figli del Milan… Il segreto di questa squadra è l’atmosfera, parliamo molto anche quando siamo lontani dal campo. Io allenatore un domani? Non posso dirlo ora, non si sa mai. Ma è più stressante. Con Pioli è stato facile lavorare fin dall’inizio, sa trarre il massimo dalla squadra. A volte giochiamo al ‘buono e cattivo’, decide lui quando devo essere io a fare il cattivo e quando invece lo farà lui. Tra noi c’è questo equilibrio”.

Lavorare con i giovani uno stimolo

“Sì, perché mi sento giovane anch’io, non posso correre meno di loro. Certo, qualche volta esagero, ma questa è mentalità… L’importante è non limitarsi alle parole, se vuoi che ti seguono e si comportino come te servono i fatti, devi mostrare come si fa. Ma sono più io ad aver bisogno di loro che il contrario”. Il progetto di questo Milan, comunque gli piace: “Ho una responsabilità diversa rispetto a quando giocavo con grandi campioni, ma se lo fai bene ti torna molto di più, significa fare qualcosa di più del normale”.

Sugli obiettivi del Milan

“Possiamo fare grandi cose. Sono arrivato a metà dello scorso campionato, se guardi la classifica da lì a un anno siamo stati primi. Quindi se fossi arrivato prima oggi avremmo un trofeo in più. Ora comunque dobbiamo concludere bene la stagione. Il segreto? La fame di vittorie aumenta quando vinci. Ma prima, appunto, devi vincere. Se continuiamo a credere in ciò che facciamo, qualcosa di buono lo facciamo. Il mio obiettivo è vincere, se non vinco è una delusione”.

Un futuro al Milan fuori dal campo

“Ora sono concentrato su quello che faccio, sono ancora attivo, ci penserò dopo, c’è tempo per parlare di quello che farò nella mia seconda vita”.

Sull’Europa League

“È servita per capire cosa siamo e avvicinarci agli obiettivi del club, come la Champions. Contro il Manchester United abbiamo dimostrato di poter giocare a questo livello e avremmo meritato di più”.