Messi-Barcellona, un amore tormentato: “Ora sto bene, ma nel 2014…”

ilsalottodelcalcio-fifa-awards-messi-lionel
Getty Images
Tempo di lettura: 2 minuti

MESSI BARCELLONA – Mai banale Lionel Messi. Il futuro della Pulce è qualcosa che in Spagna tiene sempre col fiato sospeso gli appassionati di calcio. In una lunga intervista rilasciata all’emittente RAC1, il fenomeno argentino ha giurato fedeltà ai blaugrana, svelando però un retroscena: “Ci sono stati dei momenti nel 2014, fra i problemi col fisco e gli infortuni, in cui ho pensato di andare via dalla Spagnami sentivo trattato male. Ma non ho ricevuto offerte ufficiali, perché tutti sapevano che volevo restare”. Testimonianza inequivocabile che la storia tra il Barça e il suo numero 10 non è sempre stata rose e fiori.

Messi chiude col passato e abbraccia Griezmann: “Al Barcellona i migliori sono sempre i benvenuti”

MESSI FISCO GRIEZMANN – Il Fisco spagnolo, anni fa, non fu affatto tenero con Lionel Messi. L’argentino, che tra il 2007 e il 2009 evase un totale di 4,1 milioni di euro, pagò circa 30 milioni per regolamentare le imposte. A questa cifra si aggiunsero i circa 455.000 mila euro con cui il Fisco convertì la pena a 21 mesi di reclusione. Un periodo difficile che, tuttavia, sembra ormai alle spalle, vista la convinzione con cui Messi ribadisce di voler restare. “L’idea non è cambiata e vorrei chiudere la carriera a Barcellona. Soprattutto per come mi sento nel club, per come ci troviamo bene nella città, per i miei figli” questo il pensiero della Pulce, che ha poi proseguito ipotizzando la data del ritiro: “Ho ormai un’età in cui si inizia a fare fatica, così come è normale e logico. Potrei dire che arriverò a 35-36 anni. Messi ha poi detto la sua sul presente, in particolare sul suo rapporto con Griezmann: “Ovviamente è una bugia che io non volessi Antoine in squadra. L’anno scorso ho detto che era uno dei migliori e i migliori sono sempre i benvenuti”.