Mercato Inter, niente Cavani. L’uruguaiano: “Resto al Psg”

Cavani Ligue 1
Getty Images
Tempo di lettura: 2 minuti

MERCATO INTER CAVANI – La brutta giornata di Antonio Conte sembra non finire mai. Dopo gli accertamenti medici che hanno evidenziato lo stop muscolare di Godin, ora è il mercato a dare problemi. L’Inter sta cercando una coppia d’attaccanti per la prossima stagione e tra i tanti nomi fatti era emerso anche quello di Cavani, deciso a restare al Psg.

Niente Serie A e Inter, nel futuro di Cavani c’è un possibile ritorno in Uruguay

Le parole de “El Matador” a Le Parisien gelano il club nerazzurro. “Del mio futuro ho già parlato la scorsa stagione. Ho promesso, non solo ai tifosi, ma anche a me, che sarei rimasto qui fino alla fine del contratto” ha spiegato al quotidiano francese. Dunque Cavani e il Psg andranno avanti fino al 2020. Poi si vedrà. Nel futuro dell’ex Napoli possiamo quindi escludere l’Inter e chissà che il mercato del prossimo anno non possa riportarlo in patria. “La mia decisione potrebbe essere quella di tornare a casa, in Uruguay aggiunge l’attaccante. Più remota, invece, la possibilità di rinnovare con il club parigino: “Onestamente, non ci penso. Non ne abbiamo nemmeno parlato, ma dopo sei anni è come essere a casa”.

E Conte continua ad aspettare l’attaccante dal mercato

Marotta e Conte sono di nuovo punto e a capo. Dopo essersi fatti sfuggire Lukaku, ormai destinato alla Juventus, adesso è Cavani a lasciare di stucco l’Inter. L’unico obiettivo rimasto ancora in corsa per l’attacco si chiama Edin Dzeko, ma anche qui la trattativa non è semplice. La Roma non vuole cederlo per meno di 20 milioni nonostante la scadenza del contratto prevista per il 30 giugno 2020. I nerazzurri non sono andati oltre l’offerta di 15 milioni e anche aggiungendone altri 5 potrebbe non bastare. Petrachi, infatti, vorrebbe continuare a fare muro per provare a inserire il bosniaco in un maxi scambio con Icardi. Operazione, a oggi, complicatissima, ma si sa che le vie del mercato sono infinite e chissà che non possano portare alla costruzione di un nuovo asse tra Roma e Milano.