Lazio, Inzaghi: “Poca lucidità in campo, Lukaku giocatore di fisicità”

ilsalottodelcalcio-lazio-simone-inzaghi-allenatore-inter-intervista-serie-a
LaPresse
Tempo di lettura: < 1 minuto

INZAGHI INTER LAZIO INTERVISTA – Queste le parole di Simone Inzaghi, allenatore della Lazio, al termine del match di San Siro, perso con l’Inter per 3-1.

L’intervista a Simone Inzaghi dopo Inter Lazio 3-1

“Sapevamo che l’Inter poteva fare la partita che poi è stata. C’è rammarico perché ci siamo innervositi troppo. Può capitare di subire un rigore così. Abbiamo tenuto bene il campo, ma loro si sono difesi benissimo. Facevamo fatica a trovare spazi nello stretto. Non dovevamo prendere il gol de 3 a 1. Potevamo fare molto di più. I ragazzi sono delusi e amareggiati, non hanno accettato la sicurezza di Fabbri sulla decisione del rigore.Si è rotto l’equilibrio della gara”.

I cambi durante la gara

“Penso per quanto riguarda i cambi, Hoedt aveva fatto una buona gara era ammonito e non volevo rimanere in 10. Leiva volevo dargli un cambio anche se stava facendo bene. Lukaku sapevamo che è un giocatore di buona fisicità. L’indisponibilità di Radu ci ha fatto cambiare i piani. Purtroppo non potevamo rinchiuderci nella nostra metà campo, ho dovuto spostare Acerbi. Hoedt e Parolo hanno fatto una buona gara. Ho fatto i complimenti alla squadra per la prestazione”.

Gara condizionata dagli episodi

“Le gare a volte sono indirizzate ad episodi. Abbiamo fatto molto meglio della gara di andata dove abbiamo pareggiato. Andiamo via con più del 60% di possesso e passaggi, ma l’Inter porta a casa i tre punti”.

Verso Sampdoria e Bayern Monaco

“Il campionato è lungo. Mancano ancora tante partite, dobbiamo andare avanti nel migliore dei modi. Abbiamo sei giorni per recuperare per la Sampdoria. Poi penseremo al Bayern Monaco. Tutti gli obiettivi sono possibili, la classifica è corta. Dobbiamo tornare a vincere al più presto”.