Lautaro: “Messi è un punto di riferimento, ma penso solo all’Inter. Conte mi piace molto”

ilsalottodelcalcio-barcellona-inter-lautaro-martinez
Getty Images
Tempo di lettura: 2 minuti

INTER JUVENTUS LAUTARO – Al Camp Nou contro il Barcellona, Lautaro Martinez ha segnato il suo primo gol in Champions League. L’argentino è stato uno dei migliori tra le fila dell’Inter contro i blaugrana nonostante la sconfitta. In terra catalana si è trovato faccia a faccia con Messi e, ai microfoni di Sky Sport, ha commentato quell’incontro, proiettandosi anche al big match di domenica prossima contro la Juventus.

Messi

“La maglietta gliel’ho chiesta io prima. Sono stato felice, ora è a casa mia. Con l’Argentina giochiamo insieme. Lui è un calciatore molto attento ai dettagli, un punto di riferimento. Io al Barcellona? No, penso all’Inter, poi quando gioco con Messi in nazionale per me è un sogno che si realizza, perché già da bambino lo ammiravo. Nella testa ho i nerazzurri, ho tanti obiettivi da raggiungere con loro”.

Inter Juventus

“La Juve ha tanti giocatori importanti. Sarà un’altra partita importante come mercoledì, dobbiamo recuperare energie e poi il mister penserà a quale formazione schierare. Conosciamo la classe di Cristiano Ronaldo. Proveremo a fermarlo, affrontiamo un giocatore fortissimo, sappiamo quanta classe e qualità possiede. Lo scudetto? Pensiamo partita dopo partita. La mentalità quest’anno è cambiata sia grazie al nuovo allenatore che ai cambiamenti avvenuti in società”.

Il rapporto con Conte

“Già quando ero in Coppa America, il mister mi ha chiamato per dirmi che non vedeva l’ora di allenarmi e l’ha dimostrato poi quando sono arrivato. Mi piace e lo apprezzo molto. L’anno scorso speravo di giocare un pochino di più dopo essermi ambientato all’inizio. Quest’anno ho iniziato molto bene in nazionale e devo continuare così. Abbiamo un allenatore che ci chiede molto in ogni allenamento e ci sprona a dare sempre di più”.

Icardi

“C’era un problema tra lui e la società. Aveva bisogno di giocare e sono contento abbia segnato, lo sento ancora come altri e sono felice per lui perché mi ha aiutato molto lo scorso anno quando sono arrivato”.