bianconerinews.eu-maurizio-sarri-conferenza-stampa-juve-juventus
Getty Images
Tempo di lettura: 2 minuti

SARRI JUVENTUS SASSUOLO CONFERENZA – Dopo le fatiche di Champions League, con la vittoria sull’Atletico Madrid, la Juventus torna in campo in Serie A per proseguire il cammino in campionato. Nel lunch match di domani, i bianconeri affronteranno all’Allianz Stadium il Sassuolo di Roberto De Zerbi.

Sarri in conferenza stampa su Alex Sandro e Bernardeschi

“Alex Sandro ieri ha svolto tutto con la squadra, dal punto di vista medico sta bene. C’è da capire se dal punto di vista atletico ne ha risentito, ma è a disposizione. Bernardeschi sta bene, è molto utile alla squadra: è un ragazzo che ha potenzialità tecniche che potrebbero farlo incidere maggiormente sulla partita, ecco perché gli si chiede di più”.

Cristiano Ronaldo

“Cristiano è una risorsa immensa per noi. Nelle ultime partite ha fatto bene sulla resistenza, deve crescere sulla brillantezza ma è normale. L’alternanza davanti mi sembra normale, sono tre attaccanti con potenzialità enormi. Ieri ha fatto in parte con noi, Ronaldo, sta bene. Questi giocatori abituati a segnare hanno sempre l’ansia del gol. Sono abituati a trovare il gol con assiduità, vale per Ronaldo ma anche per chi come lui è abituato a fare cifre importanti di gol. Secondo me fa bene perché gli dà motivazione”.

Emre Can

“Non essendo in lista Champions, nelle gare successive se ci sono le condizioni può giocare”.

Ronaldo

“La situazione era così chiara dall’inizio che non c’è motivo di nervosismo. Ronaldo è un qualcosa diverso. I ragazzi hanno dimostrato che dal momento in cui rendono vuol dire che accettano bene la situazione, non vedo problematico su questo punto di vista”.

Barzagli

“Barzagli è una risorsa. Dal punto di vista individuale può trasmettere tanto. Giocando ogni tre giorni non si può lavorare tanto sul campo. In ogni caso il ragazzo si abitua anche al modo di giocare in Italia”.

Cuadrado

“Cuadrado è fresco. Alex Sandro è in recupero. Vedremo i due centrali, se c’è qualcuno che sta peggio”.

Partite ravvicinate

“Dall’ultima settimana di agosto e fino alla prossima abbiamo giocato ogni tre giorni. Non c’è molto tempo per la sperimentazione. Per giocare tutti insieme è problematico, per le loro caratteristiche. Non è assolutamente semplice, tranne in momenti di difficoltà”.

Valutazioni

“Dipende da cosa riescono a darti i giocatori rispetto a quello che gli chiedi. Magari la valutazione cambia dopo sei mesi. Se le scelte che ho fatto vanno in una certa direzione vuol dire che gli altri si sono allineati prima alle mie richieste”.

Sottovalutare il Sassuolo

“La partita è pericolosissima. Veniamo da una partita di campionato in cui abbiamo speso tante energie mentali, e poi veniamo dalla Campions. E’ una squadra che ha numeri importanti, che tira tante volte in porta e gioca tanti palloni nell’area avversaria in trasferta. I punti che ha non rispecchiano quello che sta facendo. Ha un allenatore giovane ma forte, l’ho sempre detto. Lo avevo detto pure in Inghilterra. Diventerà un grande allenatore”.

Pallone D’Oro

“Se non lo vincerà Ronaldo mi dispiacerà molto. Spero De Ligt possa contendere il premio per i giovani. E spero che un giorno Dybala possa vincerlo. Anche se a me i premi individuali, se vengono dati dai giornalisti, mi interessano poco”

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui