Inter, no di Zhang a Lukaku. Conte insiste: Perisic la chiave?

ilsalottodelcalcio-romelu-lukaku-manchester-united-calciomercato-inter
Foto Getty
Tempo di lettura: 2 minuti

INTER LUKAKU CONTE PERISIC – Dalla Cina è arrivata la frenata di Zhang all’operazione Lukaku. Il Manchester United chiede 85 milioni di euro per il giocatore, una richiesta eccessivamente elevata per la società. Antonio Conte però si sarebbe imposto con decisione anche nel meeting odierno.

Inter, per avere Lukaku Conte pensa a Perisic

Ausilio e Marotta studiano il modo per accontentare Conte, proponendo una formula che potrebbe prevedere una contropartita tecnica. L’indiziato numero uno è Ivan Perisic: come riporta calciomercato.com, l’offerta congrua potrebbe essere di 55 milioni di euro più l’esterno croato. Lukaku inoltre ha più volte chiarito che vuole l’Inter ed il Manchester ne è a conoscenza.

Inter, il no di Zhang su Lukaku

L’Inter non si arrende con Antonio Conte che spinge per avere il giocatore. Ma Zhang è stato altrettanto chiaro: Lukaku a 85 milioni di euro non si fa, in tal caso l’Inter dovrà ricorrere al piano B, quello che Beppe Marotta ha illustrato all’Ansa: un centravanti più giovane da affiancare a un altro più esperto, ovvero Edin Dzeko. Antonio Conte non vorrebbero nemmeno prendere in considerazione la cosa. Avanti ancora su Lukaku e Dzeko.

Lukaku, le tre alternative

L’Inter pensa alle alternative, che sono Cavani, Zapata e Leao, sottolinea il Corriere dello Sport. Ma la grossa novità che arriva dall’Inghilterra è la disponibilità del Manchester United a cedere Lukaku anche dopo l’8 agosto, giorno di chiusura del mercato in entrata per le inglesi. Lo United sta sondando Pepé del Lilla, Aubameyang ma anche valutando la promozione di Greenwood. Siccome l’Inter è distante come offerta e altri club non si sono fatti vivi, si è diffusa la convinzione che il trasferimento del numero 9 possa essere concluso anche dal 9 agosto in poi. Così facendo il Manchester potrebbe attendere che l’Inter ceda Icardi, Perisic e gli altri giocatori in esubero e sperare di ricevere una proposta superiore rispetto a quella da 60 milioni di euro già rifiutata.