Inter, Nainggolan lascia Lugano: futuro in bilico

Tempo di lettura: 2 minuti

Dopo Mauro Icardi, anche Radja Nainggolan lascia il ritiro dell’Inter a Lugano. Niente amichevole contro il team elvetico per il belga che è tornato a Milano. Il centrocampista, che contemporaneamente affronta la malattia della moglie, sta vivendo una nuova fase nell’era Conte. Se con Spalletti era un punto fermo, con l’ex Chelsea le cose sono cambiate radicalmente.

Inter – Nainggolan, le parole di Marotta

Marotta è stato chiaro nei giorni scorsi: Nainggolan e Icardi? Sono entrambi, secondo me, degli ottimi giocatori e degli ottimi talenti. Ma chiaramente il talento da solo fa vincere le partite, ma è la squadra che fa vincere un campionato e quando dico vincere un campionato significa raggiungere l’obiettivo che ognuno ha prefisso. Di conseguenza non rientrano nel nostro progetto, con la trasparenza e il rispetto che è loro dovuto“. Il belga si sta guardando attorno, ma non è escluso che lui alla fine, al contrario del sudamericano che è sempre più lontano dalla Pinetina, possa recuperare terreno e restare all’Inter.

Inter Nainggolan lascia Lugano, ma in Asia…

Nainggolan, infatti, non giocherà la prima amichevole stagionale contro il Lugano, ma potrebbe far parte dei convocati per la tournée in Asia con la squadra. Il calciatore effettuerà un allenamento personalizzato a Milano che dovrebbe consentirgli di presentarsi al top della forma. Il suo obiettivo è convincere Antonio Conte e guadagnare sempre maggiore spazio. Sulle sue tracce, comunque, rimangono un paio di club della Cina che vorrebbero portare il Ninja in Oriente. Il mercato a Pechino chiude il 31 luglio, quindi mancano poco più di due settimane. L’obiettivo dell’ex giocatore della Roma è quello di resistere alle tentazioni cinesi e di restare all’ombra del Duomo. La rete all’Empoli che ha regalato la matematica qualificazione in Champions League ai meneghini è ancora negli occhi di tutti i tifosi nerazzurri. Radja spera di conquistare anche Conte e di tornare da protagonista a San Siro. Ci riuscirà?