Genoa, Ballardini: “Potevamo essere più attenti, ce la siamo giocata fino alla fine”

ilsalottodelcalcio-genoa-ballardini-davide-allenatore-intervista-serie-a-lazio
LaPresse
Tempo di lettura: < 1 minuto

BALLARDINI LAZIO GENOA INTERVISTA – Queste le parole dell’allenatore del Genoa, Davide Ballardini, intervistato da Dazn al termine del match di Serie A perso in casa della Lazio.

Serie A, l’intervista a Ballardini dopo Lazio Genoa 4-3

“Nel primo tempo potevamo essere più attenti e compatti, concedendo meno a una squadra che pressava molto. La Lazio sta bene, si è visto da subito: dispiace non aver contenuto meglio la loro intensità. Siamo stati troppo timidi, contro una squadra che sta molto bene. Noi dovevamo essere più stretti e corti. Ma noi abbiamo grande voglia e disponibilità, c’è il desiderio di fare bene e questo si è notato anche in partita. E nella ripresa, dopo averla riaperta, bisognava essere più attenti. Ma anche oggi abbiamo dimostrato di volercela giocare fino all’ultimo”.

Su Scamacca

“Secondo me è un giocatore forte, ha qualità importanti. Ma è giovane e dovrà migliorare tanto, è piacevole avere un calciatore così da allenare tutti i giorni”.

Sugli errori

“All’inizio della stagione non facevamo errori così evidenti, ma si può sempre rimediare. Quando giochi contro una grande squadra non è facile, ti induce a sbagliare. Noi abbiamo difensori seri, esperti, e non siamo preoccupati dagli episodi odierni”.

Su Rovella

“Ha fatto una buona partita, fin dal primo momento in cui è entrato. È stato bravo, ma non mi sorprende: è uno che ha personalità, ma deve fare progressi su dove posizionarsi. Anche lui, come Scamacca, è un gran bel giocatore”.