Buffon scrive al sé 17enne: “Mostrerai al mondo che esisti”

ilsalottodelcalcio-juventus-buffon-gianluigi-record-serie-a-presenze
Getty Images
Tempo di lettura: < 1 minuto

BUFFON JUVENTUS LETTERA – Una vita in una manciata di righe: Gianluigi Buffon si racconta a The Players’ Tribune. Il portiere della Juventus si è affidato al noto portale che permette agli atleti professionisti di scrivere riguardo particolari significativi e spesso introspettivi della loro carriera. Lo ha fatto rivolgendosi a un interlocutore d’eccezione: il Buffon appena diciassettenne.“La gente ti chiamerà persino Superman. Ma tu non sei un supereroe. Sei solo un uomo come tutti gli altri. E la verità è che la pressione di questo mestiere può trasformarti in un robot. La tua routine può diventare una prigione”. L’estremo difensore bianconero ha affrontato, tra i vari temi, il problema della depressione che lo ha attanagliato nel corso della sua carriera. La lettera si conclude con un riferimento ai rimpianti dell’infanzia e un rimando agli stimoli, fondamentali per costruire la sua straordinaria carriera: “Il mio unico rimpianto è non aver aperto la mente al mondo prima.[…]A 41 anni sentirai ancora questo bruciore dentro. Non sarai ancora soddisfatto, mi spiace dirlo. Anche tenere la Coppa del Mondo tra le braccia non allevia questa sensazione. Fino a quando non avrai una stagione in cui non raggiungerai alcun obiettivo e ti accontenterai.[…]Questo è quello che sei. Sei Buffon. Mostrerai al mondo che esisti”.