ilsalottodelcalcio-verona-brescia-mario-balotelli
Foto Getty
Reading Time: < 1 minute

BRESCIA VERONA BALOTELLI – Un nuovo caso di razzismo sugli spalti degli stadi italiani. Ormai siamo alla media di quasi uno a domenica. Stavolta la vittima è stato Mario Balotelli, attaccante del Brescia. Ha destato scalpore la reazione dello stesso giocatore, che ha scagliato verso la curva del Verona il pallone, che soprattutto le incredibili dichiarazioni del capo ultrà dei gialloblu, nonchè i commenti di alcuni tesserati dell’Hellas Verona, che hanno negato che ci siano stati dei buu razzisti. Un po’ come fece il CT bulgaro Balakov per il caso Sterling in BulgariaInghilterra di qualche settimana fa.

Balotelli, la sua reazione sui social

L’ex attaccante nerazzurro ha postato una storia sul suo profilo Instagram in cui riporta un video da cui si sentono distintamente i buu provenienti dalla curva del Verona. La didascalia recita: ” Le “persone” di questa curva che hanno fatto il verso della scimmia. VERGOGNATEVI. Vergognatevi davanti ai vostri figli, mogli, genitori, parenti, amici e conoscenti..vergogna”. Poi lancia un messaggio di ringraziamento a chi, in campo e fuori dal campo, gli ha mostrato solidarietà per questo ennesimo episodio di discriminazione razziale. Ecco il successivo post: “Grazie a tutti i colleghi in campo e non per la solidarietà avuta nei miei confronti e a tutti i messaggi ricevuti da voi tifosi.. grazie di cuore. Avete dimostrato di essere veri uomini, non come chi nega l’evidenza”.

Il Brescia prende posizione

Il Brescia Calcio ha diramato un comunicato ufficiale, apparso sul proprio sito, in cui condanna gli episodi verificatisi a Verona. Eccone un significativo estratto: “Il Brescia Calcio esprime tutta la sua indignazione per il fatto che, ancora oggi, possano verificarsi episodi di questo genere e di tale gravità. Questo pomeriggio è accaduto ad un nostro giocatore ma sarebbe potuto accadere a chiunque altro, di qualsiasi squadra, e la condanna sarebbe stata egualmente ferma e decisa. Il calcio e’ di tutti e tutti meritano lo stesso rispetto!”.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui