Borussia Dortmund, Götze e l’addio alla Bundesliga: “Ci sto riflettendo…”

Getty Images
Tempo di lettura: 2 minuti

BORUSSIA DORTMUND GOTZE – Dopo dieci stagioni in Germania, Mario Götze potrebbe lasciare la Bundesliga. Il contratto con il Borussia Dortmund scade nel 2020 e la dirigenza vorrebbe rinnovarlo dopo l’anno appena concluso. La trattativa probabilmente andrà per lunghe, non si scioglierà entro la fine del calciomercato e il rischio per i gialloneri di perderlo a parametro zero da febbraio diventa sempre più alto.

Götze, dal gol in finale Mondiale alla malattia

“Ho parlato con il club del rinnovo, ma ho ancora un anno di contratto e sono molto sereno a tal proposito” ha chiarito Götze alla Bild. “Come calciatore si ha il privilegio di poter lavorare quasi in ogni paese del mondo. A volte ci rifletto…”. Parole che lasciano dunque una bella porta aperta per un suo addio al Borussia Dortmund. D’altronde la carriera del giocatore è stata ricca di alti bassi. Tanti i motivi, ma uno in particolare ha inciso più di altri: il metabolismo energetico. Una malattia che non gli faceva bruciare i grassi e lo ha tenuto ai box quasi 4 mesi nel 2017. Eppure la strada sembrava tracciata verso il successo con le stagioni esaltanti agli ordini di Klopp e il gol nella finale Mondiale con la Germania. Poi la frenata. Le pressioni aumentano e il rendimento cala drasticamente.

Con Favre torna al top nel Borussia Dortmund e l’Arsenal bussa alla porta

La stagione 2017-18 di Götze si chiude con due sole le reti, la scorsa anche inizia male, ma termina in crescendo. Sette reti e sette assist ed è record del tedesco dall’annata in cui segnò il gol in finale Mondiale. Arriva lo sfogo di Mario: “Dando retta ai media nel giro di quattro anni sono stato un Giuda, un eroe, una delusione e uno scarparo che non poteva giocare a calcio”. Una rivincita per l’ex Bayern Monaco, ora nelle mire dell’Arsenal. Il Borussia Dortmund, intanto, vorrebbe trattenerlo non avendo la possibilità di investire molto in questo mercato. La forza contrattuale, però, è nelle mani di Götze che mai come questa volta può lasciare la Bundesliga dopo dieci anni.