Bolt: “La mia carriera nel calcio è finita”

ilsalottodelcalcio-bolt-usain-calcio-atletica
Getty Images
Tempo di lettura: < 1 minuto

BOLT CARRIERA FINITA CALCIO – Usain Bolt ha deciso: a 33 anni lascia il calcio. Dopo un glorioso passato a suon di record nell’atletica, il velocista giamaicano ha chiuso ogni possibilità anche di un suo ritorno in pista. Queste le sue parole, rilasciate in un’intervista al Corriere della Sera.

Bolt e il calcio professionistico

“Ci ho creduto. Ma per arrivare al livello che mi era richiesto dal campionato australiano ci voleva tempo e io non sono stato capace di stare dietro a tutti i miei impegni ed allenarmi a sufficienza. Si dice che servano 10 mila ore di allenamento per avere successo, e a me sono mancate. Non è facile passare dal top dell’atletica al calcio professionistico”.

L’esperienza nel Soccer AID con le vecchie glorie del calcio

“C’erano Eric CantonaMo FarahRoberto CarlosJohn TerryDidier DrogbaJamie Carragher: proprio da un suo errore, è nato il mio gol. Io avevo la fascia da capitano e giocavo falso nove: il mio numero sulla maglia era 9.58!”.

Bolt e il possibile ritorno in pista

“Lavoro per la mia Fondazione e i miei sponsor, esco la sera, ogni tanto vado a correre, ho mille progetti. Sono così impegnato che, ora come ora, non ho in programma di andare a Doha. Mi sono serenamente ritirato e vivo la vita del pensionato felice. Con l’atletica competitiva ho chiuso. Anche se mi manca la gara, non certo l’allenamento. E l’energia di uno stadio pieno. Quell’adrenalina non l’ho mai più ritrovata”.