Benevento, Inzaghi: “Arbitro e VAR? I ragazzi piangevano, si sono sentiti derubati. Retrocedere così è brutto”

ilsalottodelcalcio-benevento-inzaghi-filippo-allenatore-serie-a
LaPresse
Tempo di lettura: < 1 minuto

INZAGHI BENEVENTO – Queste le parole dell’allenatore del Benevento, Filippo Inzaghi,intervistato da Sky Sport al termine della gara persa con il Cagliari.

Benevento, l’intervista di Filippo Inzaghi dopo Benevento Cagliari 1-3

“Siamo molto delusi, le immagini sono lampanti. L’arbitro mi ha detto che il tocco c’è stato, ma lieve. Se l’arbitro dice che il tocco c’è stato, il VAR non può intervenire. Retrocedere così è brutto, noi vorremmo farlo con le nostre gambe, non così. Io voglio solo fare i complimenti ai ragazzi, hanno dominato la partita e meritava la vittoria. La squadra ha avuto cuore e anima, sapevo che mi avrebbero reso orgoglioso. Con questo spirito e con questa voglia non partiamo secondi a nessuno. I ragazzi piangevano, si sentivano derubati di qualcosa. Oggi non doveva andare così per il bene del calcio. Poi se l’arbitro mi dive che il tocco era lieve, il VAR non può intervenire. Così come non poteva intervenire con Osimhen. Era lo stesso VAR e questo dispiace, perché non puoi mettere lo stesso VAR dopo le polemiche col Napoli, così alimenti i sospetti”.