Bayern-Sané, manca ancora il “Sì”. Kimmich: “Se avesse voluto il trasferimento sarebbe già qui”

ilsalottodelcalcio-sanè-germania
FOTO GETTY
Tempo di lettura: 2 minuti

BAYERN MONACO SANE’ – Mancano 48 ore alla prima partita ufficiale del Bayern Monaco ed in Baviera non si dormono sogni tranquilli. I campioni di Germania, sabato 3 agosto, sfideranno il Borussia Dortmund in Supercoppa con un’attacco in piena emergenza. A fine stagione il Bayern Monaco ha salutato tre bandiere come Ribery, Robben e James Rodriguez ma il mercato non ha ancora regalato a mister Kovac dei degni sostituti. L’arrivo del giovane Jann-Fiete Arp (classe 2000, pagato all’Amburgo 3 milioni) non è sufficiente a colmare una rosa che punta alla riconferma in Bundesliga e ad un cammino dignitoso in Champions League.

Bayern, il primo obiettivo è Sané

Proprio per questo il Bayern Monaco lavora in sordina al colpo Leroy Sané. Ala offensiva del Manchester City, classe 1996, il tedesco di origini senegalesi è da tempo il primo obiettivo della dirigenza bavarese. Dopo le tre stagioni in Bundesliga con la maglia dello Schalke 04, dal 2016 gioca in Premier League dove ha collezionato 39 gol in 133 presenze. Come riporta la Gazzetta dello Sport, per acquistarlo gli inglesi chiedono una cifra intorno ai 90 milioni e nonostante Kovac abbia sempre mostrato ottimismo per l’operazione, la trattativa potrebbe non concretizzarsi.

Kimmich: “Il Bayern vuole Sané ma è strano che non sia già qui”

Mr. Rummenigge si muove nell’ombra nella speranza di regalare ai tifosi del Bayern un acquisto blasonato. Joshua Kimmich, centrocampista bavarese e compagno di Nazionale di Sané, ha però mostrato le sue perplessità sull’operazione in un’intervista rilasciata ai media tedeschi. “Non so quale sia la situazione riguardo alla trattativa. Credo che il Bayern lo voglia prendere, e credo che se Leroy avesse voluto venire probabilmente sarebbe già qui. Leroy non mi risponde più al telefono. Tutto quel che so sulla trattativa lo so dai giornali. E non è che Hoeness viene nello spogliatoio e ci dice ‘Hey ragazzi, vogliamo Sanè’. Purtroppo non funziona così”. Parole che lasciano nello sconforto i tifosi del Bayern e nei guai Kovac. A 48 ore dalla sfida con il Borussia, infatti, in attacco a disposizione c’è solo Gnabry, con Koman uscito affaticato dall’ultima amichevole giocata contro il Tottenham.